La trama - SCI-FI COLLECTION

Nello Spazio nessuno può sentirti urlare...
SCI - FI COLLECTION
Fan Club Collection
Pianeta Fantascienza
Vai ai contenuti
THE MARTIAN
Allo scatenarsi di una violenta tempesta di sabbia su Marte, nella zona dell'Acidalia Planitia, l'equipaggio della missione NASA Ares 3  è costretto ad abbandonare la base e ripartire per tornare sulla Terra, ma l'astronauta Mark Watney viene colpito da alcuni detriti della tempesta, rimane separato dalla squadra e viene dato per morto. Rimasto solo, con poche risorse e senza avere modo di contattare la Terra per comunicare che è sopravvissuto, Watney deve ricorrere al proprio ingegno e al proprio spirito di volontà per sopravvivere, pur sapendo che nel breve periodo non vi è alcuna prospettiva realistica per una missione di salvataggio. L'uomo, ingegnere meccanico e botanico, riempie una stanza del modulo spaziale con la terra di Marte, usa le proprie feci e quelle del resto dell'equipaggio come concime e, dopo aver anche escogitato un modo per produrre dell'acqua tramite condensazione, riesce a creare una coltivazione di patate che gli potrebbe consentire di sopravvivere fino alla missione successiva, il cui arrivo su Marte è previsto quattro anni dopo. Nel frattempo la NASA, che continua a monitorare il pianeta attraverso i satelliti in orbita, si rende conto che Watney è sopravvissuto (la posizione dei moduli nella base non è la stessa di quella di quando Watney sarebbe dovuto essere morto). Lo stesso Watney, spostandosi tramite un rover, riesce a recuperare e a riattivare il vecchio Mars Pathfinder. Il riavvio del Pathfinder, che riprende immediatamente a inviare nuove informazioni sulla Terra al Jet Propulsion Laboratory, consente in un primo momento a Watney di comunicare con la NASA tramite la fotocamera di cui è dotato e successivamente di stabilire una chat.

Dopo avere inizialmente deciso di mantenere segreto ai membri equipaggio dell'Ares 3 che Watney è sopravvissuto, per evitare di farli sentire in colpa per averlo abbandonato, la NASA comunica ai suoi ex compagni che egli è ancora vivo. Durante il rientro di Watney da una delle sue escursioni marziane la camera di decompressione della serra esplode, distruggendo tutto il raccolto. A questo punto a Watney non restano molte scorte per sopravvivere e la missione per il suo recupero appare ancora troppo distante nel tempo. La NASA decide quindi di approntare una nave di soli viveri per poterlo rifornire, e, a causa della necessità di operare in tempi brevi, vengono accelerati al massimo i processi di sviluppo e controllo. Tuttavia, forse a causa proprio dei mancati controlli di sicurezza, il razzo esplode poco dopo il lancio, facendo fallire la missione. Quando tutto sembra perduto, a offrire la soluzione è Rich Purnell, un giovane astrodinamico della NASA che ha calcolato una manovra di fionda gravitazionale con la Terra grazie alla quale l'astronave Hermes, che sta riportando l'equipaggio di Ares 3, potrebbe tornare su Marte in poco tempo. Grazie all'aiuto dell'Agenzia spaziale cinese viene inviato un modulo contenente i viveri necessari al ritorno dell'equipaggio verso Marte e al successivo rientro sulla Terra. Il modulo viene agganciato in un rendezvous in orbita terrestre da Hermes.

Nel frattempo su Marte Watney deve razionare il cibo per riuscire a sopravvivere, mangiando sempre meno ogni giorno e diventando sempre più magro. Con uno dei rover a sua disposizione raggiunge il luogo da dove sarebbe dovuto decollare per intercettare i suoi compagni nello spazio, il cratere Schiaparelli, usando un modulo già predisposto dalla NASA per la successiva missione Ares 4. Il modulo è però troppo pesante per potere raggiungere una nave non orbitante intorno al pianeta, e di conseguenza Watney deve alleggerirlo eliminando tutto il possibile; per potersi liberare del peso necessario il modulo viene lanciato nello spazio coperto solamente da un telo di plastica. Dopo il lancio, con un'operazione di recupero rocambolesca, Watney si ricongiunge finalmente con i suoi compagni.
Tornato sulla Terra, Watney prende la posizione di istruttore per i nuovi candidati al programma di formazione degli astronauti. Mentre i suoi compagni e le persone che hanno preso parte al salvataggio  iniziano una nuova vita, la NASA e la CNSA lanciano il nuovo vettore Ares 5.
Produzione
Nel marzo 2013 la 20th Century Fox acquistò i diritti per una trasposizione cinematografica del libro, che venne affidata al produttore Simon Kinberg. Nel maggio seguente Drew Goddard entrò in trattative per scrivere e dirigere il film. In seguito Goddard accettò la regia di un film sui Sinistri Sei e si limitò quindi alla sola sceneggiatura, così Kinberg portò il progetto all'attenzione di Ridley Scott. Nel maggio 2014 Scott entrò in trattative per dirigere il film, che avrebbe avuto come protagonista Matt Damon. Il 3 settembre 2014 entrò nel cast Jessica Chastain. A metà settembre si unirono al cast Mackenzie Davis, e Kate Mara. Il 24 settembre venne riportato che Michael Peña era in trattative per unirsi al film. A ottobre sono entrati nel cast Jeff Daniels nel ruolo del direttore della NASA, e Donald Glover e Aksel Hennie nei panni di due giovani impiegati alla NASA. Il 20 ottobre si è unito al cast Sean Bean, e infine entrarono nel cast Chiwetel Ejiofor e Sebastian Stan.
Riprese
Le riprese del film sono cominciate il 10 novembre 2014 ai Korda Studios di Budapest, i teatri di posa più grandi del mondo. Negli studios sono stati costruiti circa 20 set differenti. In uno dei set sono state piantate delle vere patate; sono state piantate in periodi differenti in modo da mostrare i diversi stadi di crescita nel film. A marzo 2015 la produzione si è spostata nel sud della Giordania, a Uadi Rum, nota come Valle della Luna.

Promozione
Il 5 dicembre 2014 la prima pagina della sceneggiatura del film è stata posta all'interno dell'Orion, un veicolo spaziale che secondo i piani della NASA sarà utilizzato per l'esplorazione di Marte, in occasione del suo volo inaugurale. La prima clip è stata pubblicata il 6 giugno 2015. Il primo trailer è stato pubblicato due giorni dopo. Il 19 agosto viene pubblicato il full trailer.


ACCURATEZZA SCIENTIFICA
Quando Andy Weir ha scritto il romanzo L'uomo di Marte ha cercato di rappresentare tutto in maniera scientificamente corretta, utilizzando anche i feedback dei lettori per farlo adeguatamente.

Anche Ridley Scott quando ha iniziato a lavorare al film ha cercato di renderlo realistico, ricevendo anche l'aiuto di James L. Green, direttore della divisione per le scienze planetarie della NASA, che ha quindi radunato un gruppo incaricato di rispondere alle domande scientifiche poste da Scott. Green ha dichiarato che «The Martian è ragionevolmente realistico» ha però detto che la pericolosa tempesta di sabbia del film, nonostante la velocità di circa 190 km/h, in realtà avrebbe avuto una forza piuttosto debole. Green ha anche trovato gli edifici della NASA presenti nel film più eleganti di quelli attualmente utilizzati veramente dalla NASA.
I critici cinematografici si sono concentrati,nelle loro recensioni, soprattutto sul fatto che i venti marziani sarebbero in realtà "a malapena una brezza leggera", e anche lo stesso sceneggiatore Drew Goddard ha dichiarato che i venti dovevano essere considerati in maniera molto esagerata per generare la situazione della storia. Invece, il processo di combustione usato da Watney per produrre acqua è accurato ed è usato dalla NASA per un possibile rover da usare su Marte, e anche il generatore termoelettrico a radioisotopi è stato usato accuratamente.

Successivamente, quando le sue razioni iniziano a scarseggiare, Watney costruisce una serra improvvisata utilizzando suolo marziano e le feci dell'equipaggio come fertilizzante; a tal proposito il dottore Michael Shara, curatore della divisione di scienze fisiche presso l'American Museum of Natural History, ha spiegato che «potremmo probabilmente coltivare qualcosa su Marte». Inoltre, si pensa anche che sia possibile che organismi microbici siano presenti su Marte.

In un'altra scena, la visiera di vetro del casco di Witney si crepa; l'ossigeno scende quindi momentaneamente al di sotto del livello critico ed egli è costretto a sigillare rapidamente il casco con del nastro adesivo per evitare il soffocamento. Secondo Shara «fintanto che la pressione interna è intorno al 30% potresti tenerlo [il nastro], prima che i tuoi occhi si chiudano o che tu abbia un'embolia». Benché la gravità di Marte sia inferiore di circa il 40% a quella terrestre, il regista Ridley Scott ha deciso di non rappresentare questa differenza gravitazionale, trovando lo sforzo meno utile rispetto alla rappresentazione della gravità zero. Scott ha infatti detto che le tute avrebbero appesantito abbastanza i protagonisti da compensare la differenza di gravità. Inoltre, il clima di Marte è così freddo che avrebbe reso il piano iniziale di Watney di disabilitare il sistema di riscaldamento del rover subito impraticabile; la temperatura media è infatti di -62 °C, abbastanza da far precipitare, in inverno, l'anidride carbonica come neve ai poli.

Ed Fine, direttore del centro per la scienza e l'immaginazione dell'Università statale dell'Arizona, ha detto «quello che questa storia fa davvero bene è immaginare uno scenario di un futuro prossimo che non si spinge troppo lontano da dove siamo oggi tecnicamente». Il fisico britannico Brian Cox ha invece affermato «The Martian è la migliore pubblicità per una carriera in ingegneria che io abbia mai visto».

Nel film, i colori dell'atmosfera marziana sono rappresentati in maniera errata: durante il giorno il cielo marziano è di colore rosso, mentre durante il tramonto diviene blu.

RICONOSCIMENTI

   2016 - Premio Oscar
  • Candidato per il miglior film a Simon Kinberg, Ridley Scott, Michael Schaefer, Aditya Sood, Mark Huffam
  • Candidato per il miglior attore protagonista a Matt Damon
  • Candidato per la migliore sceneggiatura non originale a Drew Goddard
  • Candidato per la miglior scenografia a Arthur Max and Celia Bobak
  • Candidato per i migliori effetti speciali Chris Lawrence, Anders Langlands, Richard Stammers e Steven Warner
  • Candidato per il miglior sonoro a Oliver Tarney
  • Candidato per il miglior montaggio sonoro a Paul Massey, Mark Taylor e Mac Ruth
  • 2016 - Golden Globes
  • Miglior film commedia o musicale
  • Miglior attore in un film commedia o musicale a Matt Damon
  • Candidato per la migliore regia a Ridley Scott
  • 2016 - British Academy Film Awards
  • Candidato per il miglior regista a Ridley Scott
  • Candidato per il miglior attore protagonista a Matt Damon
  • Candidato per il miglior montaggio a Pietro Scalia
  • Candidato per la miglior scenografia a Arthur Max e Celia Bobak
  • Candidato per il miglior sonoro a Paul Massey, Mac Ruth, Oliver Tarney e Mark Taylor
  • Candidato per i migliori effetti speciali a Chris Lawrence, Tim Ledbury, Richard Stammers e Steven Warner
  • 2016 - Critics' Choice Movie Awards
  • Candidato per il miglior film
  • Candidato per il miglior regista a Ridley Scott
  • Candidato per il miglior attore protagonista a Matt Damon
  • Candidato per la migliore sceneggiatura non originale a Drew Goddard
  • Candidato per la migliore fotografia a Dariusz Wolski
  • Candidato per il migliore montaggio a Pietro Scalia
  • Candidato per la migliore scenografia a Arthur Max e Celia Bobak
  • Candidato per i migliori effetti speciali
  • Candidato per il miglior film Sci-fi/Horror
  • 2015 - American Film Institute - Migliori dieci film
  • 2015 - National Board of Review Awards
  • Migliori dieci film
  • Miglior regista a Ridley Scott
  • Miglior attore a Matt Damon
  • Migliore sceneggiatura non originale a Drew Goddard
  • 2016 - Producers Guild of America Award - Candidato per il miglior film a Simon Kinberg, Ridley Scott, Michael Schaefer e Mark Huffam
  • 2016 - Directors Guild of America Award - Candidato per il miglior regista a Ridley Scott
  • 2016 - Satellite Awards
  • Miglior suono
  • Candidato per il miglior film
  • Candidato per il miglior regista a Ridley Scott
  • Candidato per il miglior attore a Matt Damon
  • Candidato per la migliore sceneggiatura non originale a Drew Goddard
  • Candidato per la migliore fotografia a Dariusz Wolski
  • Candidato per la migliore colonna sonora originale a Harry Gregson-Williams
  • Candidato per il miglior montaggio a Pietro Scalia
  • Candidato per i migliori effetti speciali
  • 2016 - Writers Guild of America Award - Candidato per la migliore sceneggiatura non originale a Drew Goddard
  • 2015 - Hollywood Film Awards - Miglior film a Ridley Scott
  • 2015 - People's Choice Awards
  • Miglior film drammatico preferito
  • Candidato per l'attore preferito in un film drammatico a Matt Damon
  • 2015 - Toronto International Film Festival - Candidato al premio del pubblico
  • 2015 - African-American Film Critics Association - Migliori dieci film
  • 2016 - MTV Movie Awards - Candidatura per la miglior performance maschile a Matt Damon
Created with
WebSite X5
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec commodo sapien et dapibus consequat.

CREDITI:
Alien.it
Wikipedia
avp.wikia.com
mtv.com
youtube.it
alienpredator italia
Powered 2019 by

Powered 2019 by

COLLEGAMENTI:
  • Home
  • Privacy
  • Note Legali
  • Contatti
Powered 2019 by

All marks, images and all about ALIEN,PREDATOR,BLADE RUNNER and PROMETHEUS is copyright © and trademark (TM) of 20th Century Fox. All rights reserved.
Original graphics, contents and design © 2000-2019 by pianetafantascienza - Privacy Utilizzo

Pianetafantascienza non è un sito ufficiale del franchise di Alien e e altri cut movie e non è in alcun modo collegato alla  20th Century Studios o alla The Walt Disney Company e a nessuna delle  loro licenziatarie. Ogni nome, titolo, immagine o qualsiasi altra forma, appartiene ai legittimi detentori.
Torna ai contenuti